di Benjamin Welton

30 Ottobre 2020

dal Sito Web ClassicalWisdom

traduzione di Nicoletta Marino

Versione originale in inglese

 

 

 

 

 

 

 

C'è una storia (molto probabilmente falsa) che inizia con un team di archeologi europei che supervisiona uno scavo nel nord dell'Iraq.

Sono da qualche parte vicino a Mosul, l'attuale roccaforte del gruppo estremista sunnita ISIS in Iraq...

Sono venuti in questa parte del mondo per portare alla luce le reliquie del passato impero dell'Assiria, uno stato brutale ma efficace composto da re guerrieri e dai loro temuti eserciti.

 

Per gli stessi archeologi, l'importanza dell'Assiria è duplice:

In primo luogo, lo stato assiro ha governato per un certo periodo l'impero più grande e potente del mondo.

 

Regnavano con la punta della spada e le storie della loro sconvolgente disumanità sui nemici sconfitti hanno ancora la capacità di terrorizzare anche la più drastica immaginazione.

 

In secondo luogo, gli Assiri e l'impero che hanno creato, erano uno dei grandi nemici sia del Regno di Israele che del Regno di Giuda.

In quanto tali, i cattivi Assiri li troviamo disseminati in tutto l'Antico Testamento.

 

In effetti, il Libro di Nahum descrive la caduta della capitale assira di Ninive, la città fortezza più oltraggiata nell'antico Vicino Oriente.

 

 

 

 

Per gli Ebrei, la prima profezia che Ninive:

"città di sangue, piena di bugie, piena di bottino" (Nahum 3:1),

...sarebbe caduta, deve essere sembrata un dono divino di salvezza.

 

Oltre a questa profezia biblica, i nostri archeologi europei sarebbero stati senza dubbio consapevoli del fatto che Gesù Cristo parlava la lingua aramaica, la lingua franca del Vicino Oriente.

 

Questa era una lingua che era stata usata dall'Impero Assiro Nuovo, insieme alla più antica lingua accadica, come strumento del commercio e del governo per l'unificazione imperiale nei regni.

 

Mentre gli archeologi europei si dondolano per addormentarsi con l'idea di scoprire qualche prova del Gesù storico, o forse per scoprire qualcosa che era stato perso nella storia registrata per migliaia di anni, i loro lavoratori locali, la maggior parte dei quali sono devoti musulmani, pregano affinché la spedizione non trovino niente.

 

Dopotutto, non sarebbe saggio turbare gli antichi Dei, che per loro rappresentano potenti demoni...

 

Ma un mattino, sotto il sole caldo e arido della vecchia Assiria, gli operai si imbattono in qualcosa di grande.

 

 

Dopo aver rimosso freneticamente la terra,

riconoscono un volto.

Il viso ha una barba lunga e squadrata,

intrecciato con tre file di riccioli.

Sopra i suoi capelli c'è una specie di corona.

 

 

Ulteriori scavi rivelano le ali...

 

Mio Dio, hanno scoperto una statua di Lamassu, una divinità protettrice.

Hanno risvegliato gli antichi Dei. Fuggono terrorizzati.

 

O almeno così dice la storia...

Ma vedete, gli antichi Dei della Mesopotamia non devono essere presi alla leggera.

 

Secondo il libro Amulets and Superstitions del famoso egittologo britannico Sir EA Wallis Budge:

"La letteratura dei Sumeri e dei Babilonesi... dimostra che le persone che occuparono la Mesopotamia dal 3000 a.C. circa in poi, attribuirono una grandissima importanza alla magia in tutti i suoi rami, e che si avvalsero dei servizi del mago in ogni possibile occasione."

 

 

 

Gran parte di questa antica magia implicava la protezione contro i molti demoni che li affliggevano, dagli spiriti dei morti arrabbiati all'arcidemone Lamashtu, il demone femminile che viveva sulle montagne e fustigava con il bastone e depredava donne incinte e bambini.

 

Ancora una volta, Budge è stato succinto quando ha affermato che fin dai primi istanti di tempo registrato, il popolo della Mesopotamia,

"avevano una perenne paura degli attacchi di schiere di spiriti ostili e maligni che non perdevano nessuna possibilità di tentare di far loro del male".

Per comprendere la paura dei demoni assira, bisogna valutare i popoli che sono venuti prima, poiché la religione assira, e persino lo stile di guerra assiro, sono stati ereditati (anche se gli Assiri hanno aggiunto un'eccessiva crudeltà, quindi possono essere accreditati come portatori di un’innovazione).

 

Ha avuto inizio in Sumeria, la prima grande civiltà della Mesopotamia (l'attuale Iraq meridionale). Crearono non solo la scrittura, ma anche un intero pantheon che avrebbe servito i loro successori fino alla venuta di Alessandro Magno.

 

Gli Dei sumeri includevano:

  • Enlil, il Signore della Tempesta e l'eroico capo del Pantheon

  • la dea dell'aria Ninlil

  • Inanna, la divinità femminile della fertilità, della guerra e della saggezza...

I Sumeri costruirono impressionanti ziggurat, o templi a gradini, allo scopo di adorare questi dei.

 

Città come Uruk, Nippur ed Eridu (che i Sumeri consideravano antiche, rendendole così probabilmente le città più antiche del mondo) servivano come centri commerciali e religiosi.

 

C'erano divinità specifiche della città, ma anche mostri, come Tiamat, il demone del Caos Primordiale dell'Oceano che funge da antagonista principale nel mito della creazione babilonese, L'Enûma Eliš.

 

 

[Nota a margine: questo testo, insieme all'epopea neo-sumera di Gilgamesh, furono entrambi riscoperti nel 1849 dall'archeologo britannico Sir Austen Henry Layard presso la Biblioteca Reale di Assurbanipal a Ninive. Assurbanipal fu l'ultimo grande re dell'Impero neo-assiro.]

 

 

Allo stesso modo, gli dei oscuri e malevoli erano presenti nella loro cosmologia... e nessuno era più vile di Ereshkigal, la dea degli Inferi, o Irkalla.

 

Insieme a Nergal, il dio della peste, Ereshkigal fungeva da tiranno di Irkalla ed era il giudice supremo dei morti.

 

La storia della discesa di Inanna negli Inferi offre uno vista della malvagità di Ereshkigal:

Nuda e inchinata, Inanna entrò nella sala del trono.

Ereshkigal si alzò dal suo trono.

Inanna si avviò verso il trono.

Gli Annuna, i giudici degli Inferi, la circondarono.

Emisero un giudizio contro di lei.

Quindi Ereshkigal fissò su Inanna l'occhio della morte.

Pronunciò contro di lei la parola dell'ira.

Emise contro di lei il grido di colpa.

La colpì.

Inanna è trasformata in un cadavere,

Un pezzo di carne in decomposizione,

Ed appeso a un gancio sul muro...

Inanna, che è più comunemente conosciuta con il suo nome accadico di Ishtar, riesce a sconfiggere le macchinazioni di Ereshkigal e torna nel mondo dei vivi.

 

Per il suo dolore, Ereshkigal minaccia Inanna con una mostra del suo potere, per inviare il suo esercito di morti sopra la terra come una pestilenza in movimento incline alla distruzione.

 

 

 

 

Ai loro nemici, le orde assire dovevano sembrare l'esercito di morti famelici di Ereshkigal; erano una nazione di temibili guerrieri.

 

E sebbene la loro ascesa sia stata lenta e la loro caduta spettacolare, gli Assiri hanno lasciato un segno indelebile nelle regioni che hanno conquistato... Più che altro, hanno diffuso paura.

 

La prova di ciò può essere trovata nel fatto che i primi Ebrei trasformarono gli dei assiri in demoni.

Astarte, la versione assira di Ishtar, divenne Astaroth, il principe incoronato dell'Inferno.

 

Allo stesso modo, l'assiro Bel, che sarebbe stato chiamato Baal dai Cananei, sarebbe diventato Belzebù, il demoniaco "Signore delle mosche".

Sebbene queste successive interpretazioni giudaico-cristiane formino la visione del mondo occidentale della religione mesopotamica come completamente malvagia, gli stessi Assiri non erano privi dei propri demoni.

(Di nuovo, la maggior parte dei demoni assiri erano presenti da prima, nei miti delle precedenti società mesopotamiche.

 

Questi includono l'Ekimmu sumero, un tipo di fantasma vampirico, o il Lilu e i Lili accadici, che erano demoni maschili e femminili che molto probabilmente servirono da ispirazione prima della Lilith dell'Antico Testamento.

 

I demoni che erano propri degli Assiri - o almeno più spesso usati da loro - includono Ilu Limnu, il "dio malvagio" a cui non vengono mai date caratteristiche definite, e il Gallu, o demone toro).

In The Devils and Evil Spirits of Babylonia, l'assiriologo Reginald Campbell Thompson descrive i vari,

"demoni, spiriti demoniaci, vampiri, folletti, fantasmi",

...che male dissero le regioni intorno al Tigri e all'Eufrate... così come gli incantesimi babilonesi e assiri usati contro di loro.

 

Secondo Thompson, gli Assiri nutrivano una grande paura degli stregoni, che chiamavano "i mandriani dei defunti".

 

Tuttavia, temevano soprattutto gli Ekimmu e gli spiriti del vento.

 

 

 

 

Il più famoso spirito del vento assiro ampiamente conosciuto oggi è Pazuzu, il figlio del dio Hanbi e il demone del vento del sud-ovest.

 

Con il corpo di un leone o di un cane, la coda, le ali, gli artigli e un fallo serpentino a forma di scorpione, Pazuzu portava carestie e locuste durante le stagioni secche.

 

In uno strano sovvertimento, Pazuzu era il rivale di Lamashtu (la dea che depredava donne incinte e bambini), e come tale, la sua immagine era spesso usata per combattere altri demoni.

 

Naturalmente, la notorietà di Pazuzu è il risultato de L'esorcista di William Peter Blatty.

 

Sebbene il film sia più ovvio del libro nel descrivere lo spirito di Pazuzu come una mostruosità che perseguita il giovane Regan MacNeil (nessuno dei due, tuttavia, afferma direttamente che il demone è davvero Pazuzu), il messaggio non è ancora chiaro.

 

La decisione di Blatty di rendere il malvagio principale dell’Esorcista,un demone precristiano e assiro, è in linea con la tradizione occidentale di vedere tutte le cose mesopotamiche come depravate.

 

Inoltre, iniziando il suo romanzo, e quindi il film, nel nord dell'Iraq, Blatty ha preso la decisione consapevole di giocare sulle nozioni preconcette del suo pubblico...

Vale a dire, che la terra degli antichi Assiri è davvero una terra di demoni...